Scaramanzia: Corno portafortuna

Napoli tra superstizione e scaramanzia

La scaramanzia è ben radicata a Napoli ed è qualcosa da non prendere assolutamente sotto gamba. Ebbene si, Napoli è ancora una città profondamente superstiziosa, anche se ormai i suoi abitanti hanno spinto credenze e tradizioni sul piano ludico.

Un nuovo amore, una vincita in denaro, il miglioramento della salute, un lavoro più soddisfacente o più semplicemente una buona novella: tutti desiderano qualcosa per la quale vale la pena raccomandarsi agli astri. Anche se quasi tutti affermano di non credere agli oroscopi o alla sfortuna, è sempre meglio dare una sbirciatina alla pagina dedicata al nostro segno oppure fare le corna quando un gatto nero attraversa la strada. Non si sa mai!

E voi siete superstiziosi? Rompere uno specchio, passare sotto una scala, rovesciare sale e olio o vedere un gatto nero che attraversa la strada che effetto vi fa? Toccate ferro, fate gli scongiuri o siete pervasi da brividi di paura?

La scaramanzia è un marchio legato a Napoli, e ha messo radici sino a diventare parte integrante del folklore e della commedia alla napoletana.

Corno portafortuna - San Gregorio Armeno, napoli

Non a caso uno dei simboli di questa città, Totò, ha interpretato lo jettatore, ovvero lo sfortunato possessore della sfortuna, alla larga dalla quale deve stare la popolazione. Mentre a San Gregorio Armeno (a pochi passi dal Hotel Europeo) una della vie più caratteristiche del capoluogo campano, vengono ogni giorno venduti centinaia di amuleti per scacciare il malocchio o appunto la iettatura.

Prenota il tuo soggiorno partenopeo al Hotel Europeo & Flowers di Napoli.

Simbolo per eccellenza della scaramanzia napoletana è il Corno portafortuna, ad esso si attribuisce il potere di allontanare influenze maligne e malasorte. Affinché sia valido è assolutamente importante che sia rosso, colore di buon auspicio, fatto a mano, in tal modo il talismano realizzato acquisisce poteri benefici dalle mani di chi lo produce, mai comprato, ma ricevuto in regalo ed essere tuosto, vacante, stuorto e cu’ a ponta.

L’associazione culturale Insolitaguida organizza regolamente un tour suggestivo nelle viscere di Napoli dove verranno svelate le più disparate curiosità e credenze sul malocchio, raccontando di inimmaginabili e fantasiosi rimedi legati alla credenza popolare, di veri e propri culti e cerimonie sotterranee.

Superstizione o scaramanzia che dir si voglia, tutti se la portano dietro, perché, tutto sommato, come disse Edoardo De Filippo

“essere superstiziosi è da ignoranti, ma non esserlo porta male”

 

Sono un libero professionista nell’ambito del Marketing e della Comunicazione Web. Mi occupo di redazione di testi ed articoli, aggiornamento di siti web e blog aziendali, Social Media Marketing, data entry, Customer Care e CRM.
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *